"Papà non dirlo alla mamma" di Ezio Aceti


Un libro utile per riconoscere e comprendere lo stile paterno e quello materno dell’educazione per aiutare i bambini a crescere in autonomia.

19f214_papanondirlo

03/10/2017       LIBRI

Ha ancora senso, oggi, parlare di stile “paterno” e “materno” nell’educazione? I cambiamenti a cui è sottoposta la famiglia mettono a dura prova il sistema, perché ogni responsabilità viene messa in discussione. Eppure, proprio per la sfida del tempo che stiamo vivendo, padri e madri non debbono rinunciare o smarrire il proprio ruolo.

Se la madre rappresenta per ciascun bambino la sicurezza, la tranquillità, il bene primario – sottolinea l’autore – è solo grazie al padre che il bambino potrà divenire autonomo, capace di “prendere in mano se stesso” e affrontare la vita.

 

Ezio Aceti, Papà non dirlo alla mamma, Edizioni San Paolo 2017, pp. 176, euro 14,50.


EZIO ACETI, psicologo dell’età evolutiva, è consulente del Comune di Milano e di molti comuni delle provincie di Milano, Como e Lecco. È diretto responsabile dello “Sportello di ascolto” per alunni, genitori e docenti, in alcune scuole materne, elementari, medie e superiori delle
provincie di Lecco, Como e Milano e inoltre coordina un gruppo di psicologi titolari di Sportelli di ascolto nelle scuole. Collabora in qualità di esperto con l’Ufficio Nazionale per la Pastorale della Famiglia della CEI, e con numerose diocesi, parrocchie, enti e istituti religiosi italiani. Svolge un’intensa attività di conferenziere a livello nazionale. È autore di numerosi volumi su tematiche pedagogiche; per le Edizioni San Paolo ha pubblicato Genitori si può fare (2015), L’angelo custode (2017) e, insieme a Stefania Cagliani, Un seme per il futuro e Gesù bussa sempre al tuo cuore (2017).


Scarica il comunicato

Scarica l'allegato