"La sfida dell'unicità" di Alberto Lolli, Sergio Massironi e Silvano Petrosino


Come diventare ciò che si è.

la-sfida-dellunicita_cover

29/10/2018       LIBRI

«Il workshop “La sfida dell’Unicità. Come diventare ciò che si è” è una fortunata sperimentazione nata dall’incontro di tre amici che si sono da subito riconosciuti nel bisogno di condividere la passione educativa. L’urgenza di ripensare e l’affetto per i giovani hanno fatto il resto. A fondamento di tutto, dunque, il desiderio di trovare linguaggi capaci di interpretare il vissuto e raccontare la vita nelle sue dinamiche condivise e profonde, che Silvano Petrosino nel suo testo enuncia come “Leggi dell’umano”; e ancora, la voglia di raccogliere la sfida per costruire insieme nuove parabole che con efficacia sappiano stimolare la riflessione ecclesiale, come Sergio Massironi sa abilmente sintetizzare, accogliendo e accendendo interrogativi» 
(dall’Avvio di Alberto Lolli).

Questo libro è, dunque, la sintesi di un laboratorio a più voci, il cui senso profondo è duplice: rintracciare un metodo di pensiero che possa appassionare i giovani di oggi e fornire un prototipo di lavoro con gli stessi, sperimentando una nuova strada educativa.

Un testo che appassionerà tutti coloro che operano nell’ambito della formazione.

Alberto Lolli, Sergio Massironi, Silvano Petrosino, La sfida dell’unicità. Come diventare ciò che si è, Edizioni San Paolo 2018, pp. 288, euro 14,50.


ALBERTO LOLLI è Rettore dell’Almo Collegio Borromeo di Pavia. Profondo conoscitore del mondo giovanile, è un interprete attento della cultura contemporanea.

SERGIO MASSIRONI, insegnante di liceo e responsabile di oratori, collabora al Servizio per la pastorale sociale e il lavoro della diocesi di Milano. Scrive per L’Osservatore Romano e gestisce il blog A misura d’uomo.

SILVANO PETROSINO, docente di Teorie della comunicazione e Antropologia religiosa e media all’Università Cattolica di Milano, è filosofo apprezzato da un pubblico sempre più vasto. Ha studiato in particolare Heidegger, Lévinas e Derrida.


Scarica il comunicato

Scarica l'allegato